La Vita (Una Saga Coi Baffi)

by Casa Degli Specchi

/
1.
2.
Verse 1 (Janeosa) (Io sto lì, un pò così, preso…) Tra le parole stivate nelle soffitte che fitte nella mia mente si allagano quando piove Ulisse e pagine nuove di enclavi che stanno altrove spillando vino di scoglio di notte tra le mangrovie, e poi mentre fumo, 8 e mezzo ed io divento Kurt Cobain Rimini e Seattle io c'ho un pacco di ricordi e frame come cenere che scrollo oltre il baratro del niente come l'erba che a caterva te la fumi e non si sente Brutto pacco mentre penso all'estetismo in quanto tale e al mesmerismo intellettivo di Salvini all'ospedale dammi un beat mò che imbastisco, mista grassa, flow di Kingston questa è CDS frei ai live più hardcore dei Sex Pistols Fresh sul beat, frei, Jeneuse de la Heretique junti Jamaican leak con il rap cheek to cheek no al pling pling di maglia, no please la marmaglia ma rugiada sul groove che scorre sulla foglia. Verse 2 (GyLuciani) Calma apparente, calma apparente la benzodiaze mi tiene calmo, in Ponente caldo opprimente e profumo di fiori prosciutto e melone, Giorgia Meloni, i miei drink tricolori (ah!) dice "chi batte per vivere non si batte" non c'è cliente nè prostituta, sono ancora in tuta in questo sabato da "Scarface", regalo agli scarabei le ultime gocce di vita e rinasco formica mi sembra giusto così imparo a essere vivo ma tra la morte e il vino per ora io scelgo il Bagaglino se lo spettacolo è finito bis, sul palco gonfio di pasticche e pastis come Anna Nicole Smith si, vivo a caso come te, come tutti allattando la mia mamma e non ne faccio un dramma sono Chiambretti, voi liricamente nulli il vino sa di grilli e canarini, baciamo due betulle vagabondo come Lilli, come la Gruber in piazza c'è la protesta dei tassisti contro la Uber a loro il futuro fa paura anche piu che a me quindi mi unisco al corteo, marameo, qui chi v'è? CDS! (ah! ah!) Verse 3 (Alex Antonov) Spesso vedo futurismo nella metro (nella metro) futurissimo nella metro (nella metro) futurissimo nella metro, c'est a moi, sento l'assolo di chitarra di un barbone non credere alla voce del padrone a meno che non paghi bene bevendo liquidi pensiamo ai sollllldi se diventerò un barbone la mia rabbia mi farà da bastone per i selfie della mia vecchiaia colore viola sul palco, gli attori non lo vogliono ma questo è razzismo come nel "Colore Viola" vedo Pietro in paradiso come Kasia Smu (bip) non sei vivo se non soffri con la crew. Casa Degli Specchi! per colpa di ritardi di scaletta inizieremo solo adesso per colpa di ritardi nella metro ero perso da solo a Kensington con un vecchio barbone che diceva: "E adesso un assolo di cerniera!"
3.
(Sample + intro) Verse 1 (GyLuciani) A volte mi chiedo qual è il senso per un essere umano di avere senso di colpa ieri ho preso il telefono e l'ho chiesto a Madonna lei m'ha detto sconvolta: "Ho già sessant'anni, è tempo che smetto di tingermi bionda, come le attrici che tra l'altro la tinta costa e nella vita è importante far sacrifici" Insoddisfatto l'ho chiesto ad una prostituta mi ha detto: "Non fare i capricci io ho già cinquant'anni ed i capelli grigi quindi devo tingerli come le attrici, in genere neri che fa piu sadomaso" Si, in genere la gente mi risponde a caso tipo: "Fatti una vita! Fatti una vita!" In genere mi dicono di farmi, chiaro C Degli Specchi, frei, Spaghetti Funk ansia di uscire, frei, sono Anna Frank vodka alla menta, chiamami Mentana l'ansia mi passa ed affronto la guerra sto in... (Sample) Hook (Alex Antonov) Penso positivo ma però sto in Vietnam x 2 Positivi in questa realtà, positivi in questo Vietnam x 2 Bridge (GyLuciani) x 8 Verse 2 (Janeosa) Resta il fatto che senza un mentore ho fatto librerie, storie e favole Fino al giorno che, senza remore, ho scritto rime in fattanze magiche Ma alla fine non so più dov'eiro, forse in giro per Rio de Janeiro, 30 all'ora su una Bugatti Veyron a fare dinero, molto dineiro Ma non dichiaro un euro, questo è sicuro, la guardia di finanza: vaffareinculo! Questa è CDS, porci d'altura, perle per il popolo e canfora pura Nel campo esegetico è lecito ciò che medito la logica da eretico ad un nuovo livello metrico ho il sangue molto spesso a livello ematopoietico sbocco di notte ed è tutto molto poetico Resta il fatto che senza un mentore ho fatto librerie, storie e favole Fino al giorno che, senza remore, ho scritto rime in fattanze magiche (Sample) Hook (Alex Antonov) Bridge (GyLuciani) x 8 Verse 3 (Alex Antonov) Ho il sorriso calcificato tipo strade e porte a Pompei immortalato dentro al mio talamo della morte come Pompei faccio viaggi nella mia psiche e giro, psicogeografia tutti in giro, Pokemon Go (psicogeografia, Pokemon Go!) ed ho incontrato una vietnamita che mi ha detto "Io ti pompei" condizionale per i pompini, è un reato io penserei i pompini fatti dai cessi molto spesso sono sorprese come ladre dentro a un caveau da un agente molto bravo (bravò!) positivi in questa realtà, positivi in questo Vietnam CDS, Raffa Carrà, spesa al Carrefour, 24H e mentre spendo (spendo) sorrido al mondo (mondo) io me ne fotto (spendo), ditemi bravo (bravò!) si tipo a teatro, tipo attentato, il tipo impazzito spara impazzato (trrrrrrr!) ma rimango positivo: Alex Schwarzer (Sample)
4.
(Intro) Verse 1 (Alex Antonov) Non è vero che bevo, lo dico e qui lo dico e qui lo nego non bevo, passami il nero d'avola davo per vinta, seta color pervinca l'ho persa, l'ho vinta, si ti ho convinta Torno a casa a mezzanotte, cenerentolo l'ultima cena... e rantolo, demoni mi tentano, codardo Torno a casa all'una e ho il Sangue di Giuda sulle mie mani e nelle mie vene, conviene star calmo, codardo! Verse 2 (Janeosa) Ho fatto su un junto d'erba ed ho scritto una lettera a tutti c'ho messo dentro le lotte, i lutti e gli infortuni brutti tutto ciò che di sbagliato ho visto, fatto, detto ed urlato e quelle morti che mi porto appresso come un condannato Frei non torno nell'arena quando parte la corrida vaffanculo a voi del pubblico con l'istinto omicida è la torcida della morte e da oggi me ne chiamo fuori io non lotto più coi tori, non voglio più i vostri fiori Lo so già come funziona mi daranno del bastardo del coglione senza palle, dello stronzo, del codardo quello che non tiene botta, anche del figlio di mignotta quello che per un pò ha retto e poi è finito in bancarotta Ma ormai mi fotte sega, e ve lo giuro rega, basta con certa merda son fuori dalla congrega, io mi estraneo dalle lotte, questa notte resto a bere un'autobotte di ricordi che non voglio rivedere Bridge (Janeosa) E niente, niente, niente, poi non resta niente a parte un corpo freddo lì per terra agonizzante e niente, niente, niente, dopo resta poco la lotta con l'animale, il sangue e dopo il vuoto E niente, niente, niente, poi non resta niente a parte un corpo freddo lì per terra agonizzante e niente, niente, niente, dopo resta il vuoto l'animale, e dopo rimane poco Verse 3 (GyLuciani) Sono un torero codardo, GyLuciani per presentarmi ho deposto le uova e dopo ho deposto le armi ho perso le parole e la corrida, Ligabue e il mio incubo peggiore è dormire in un letto in due mi sono messo incinto, la mia pancia ha 9 mesi frei latte e miele, Paolo Mieli, shit is fuckin' crazy ma la follia non è sempre una roba negativa me frei, rubo l'incasso a "Trenta Ore Per La Vita" ci compro le Nike e vado a vantarmi in ospedale cercando di farmi qualche malata terminale e neanche tanto per scopare, per parlare un paio d'ore con un essere umano che non si senta superiore, ah CDS teologia, Teo Teocoli (sueg sueg sueg) liricamente non mi vedi coi binocoli tipo "Nel mondo io vorrei far la differenza ma invece resto a casa a disegnare, Pazienza" ora allevo lumache in una Jacuzzi e svuoto le bocce come ha fatto Alessia Marcuzzi Gy Luciani, hashtag grande mito, tu...
5.
(Intro) Verse 1 (Alex Antonov) Eminem (si) era un emo, quando come ospite ha partecipato a Sanremo, anzi Emimen è ancora un emo (si) nell'impeto della musica le emo-zioni possono ridurti scemo, anzi scccc-emo, scccc, silence Miley Cyrus, cyrosi epatica, bevo linguistica, Umberto Emo e sul beat quanto meno, riconoscimelo quanto meno meno come quando i bulli menano un emo ma l'emo si vendicherà emo nella notte (è l' emo pipistrello!) ho visto chi ha ucciso i genitori di Bruce Wayne (si) ma non vedo non sento non emo m'ama o non m'ama il mio emo? (Bridge) Hook (Chiara Ragnini) Perchè l'emo non è un serpente è solo deprimente se sta in mezzo alla gente perché l'emo non è una biscia ma un esibizionista convertitosi all'Islam che vuoi farci tu x 4 (e-e-e-e-e-e-emo) Verse 2 (GyLuciani) Rosso di sera bel tempo si spèera (ah ah) come in Siria sognando l'America Marlon Brando io ero suo fan ora ballo il mio ultimo tango al Bataclan rosso di sera bel tempo si spara (blah! blah!) stufa elettrica scalda la casa (la casa!) nei caruggi con la nonna storpia 6 di pensione e ci compro le Jordan (Wow!) wow! Belle ste Jordan tanto belle c'andrei alla Leopolda a dire la mia per quello che vale su Bergoglio, petrolio e guerra mondiale CDS, Bandabardò (squaaah!) troppo vero, mi sanguina il flow stappo un Pinot, Gianni e Pinot Ë il vino che parla ed ha sempre ragio', aah (Bridge) Hook (Chiara Ragnini) Verse 3 (Janeosa) Sempre schierati contro le divise, CDS rum e new york diesel con l'expertise di cent'anni di assise, fumo coi frei di Bolivia e Belize E in giro piglia un pò male da un pò ma nessuno se chiedi poi ha una risposta è come in un libro di Edgar Allan Poe e rappare sto mondo frei è cosa nostra. Faccio le storie solo con gli amici, ne ho alcuni coi camici ed altri che c'hanno solo il passato che portano addosso, il cugino avvocato ed in più qualche grammo sempre col volto rivolto al cielo ma qui nessuno si incula il vangelo cenere dentro una birra di vetro faccio le rime in mezzo allo sfacelo (sueg!) (Bridge) Hook (Chiara Ragnini) (Troppo, troppo, troppo sueg)
6.
(Intro - GyLuciani & Erma) Ah, Casa Dello Speck e vi raccontiamo la storia del centravanti populista un centravanti che intervistato dice delle cose tipo: "La vita è un maremoto" cioè dice delle cose che (è una vergogna) ma dice delle cose che (è una vergogna) dice delle cose che (è una vergogna, è una vergogna, è una vergogna) Verse 1 (Janeosa) Oclocrazia benvenuta in Italia patria di Pasolini, ma oggi acqua che ristagna di fronte al regredire di quello che era civile, ormai basta uno slogan, ruspa e fucile! Io che mi sento straniero se lo dico oggi è un insulto italiani brava gente sì, ma fino ad un certo punto è la brutta poesia con cui sono alle prese è la dicotomia di cui è preda il Paese. Va bene tutto ma a un certo punto compare, sai che ti dico, fai un pò il cazzo che ti pare, ma ma non parlarmi di spazio identitario, perchè non si occulta la merda sotto ad un dizionario. E le bandiere nere sulle gradinate, nuovi slogan ma vecchie teste rasate. Lo stadio è vuoto e la curva è tutta fascista, in campo c'è la stella, il centravanti populista. Hook (GyLuciani) Birra in frigo, Bluvertigo Bluvertigo, Celta Vigo Celta Vigo, Arrigo Sacchi, in campo non mi batti e fuori dal campo dico sempre ciò che penso (ah-ah) tanti governi ma sembra sempre lo stesso (ah-ah) l'Italia ha solo bisogno di un cambiamento (ah-ah) votate me così divento presidento Hook (GyLuciani & Janeosa) Sono un (centravanti populista) sono un (centravanti populista) dico banalità in ogni singola intervista perchè sono un (centravanti populista) Sono un (centravanti populista) sono un (centravanti populista) e piaccio all'operaio e piaccio alla cubista perchè sono un (centravanti populista) Verse 2 (Alex Antonov) Bevo Borghetti in Bugatti, ma i frei più bastardi mi dicono "è un sogno, tu non sarai mai un centravanti" mi dicono, gioco a pallone ma sono ridicolo chiamarsi bomber tra amici senza alcun merito sportivo lo sai cosa intendo comandan le banche, lo sappia la gente l'ha già detto GyLuciani nel disco precedente! ripetitivo come un goleador, sto con Janeosa e fumiamo il tuo mondo C-degli Specchi su base di Erma prendiamo una brutta china (Martini) aperitivi col Divo Andreotti nel purgatorio dei morti sto lontano dallo stress, pasta al pesto, perdo a PES mi consolo con la... Bridge (GyLuciani) Birra in frigo, Bluvertigo Bluvertico, Celta Vigo Celta Vigo, Arrigo Sacchi, in campo non mi batti e fuori dal campo dico sempre ciò che penso (bravo) tanti governi ma sembra sempre lo stesso (bravo) l'Italia ha solo bisogno di un cambiamento (bravo) votate me così divento presidento Hook (GyLuciani & Janeosa) (Outro - GyLuciani & Erma) E dico delle cose che (è una vergogna) ma dico delle cose che (è una vergogna) alla "Domenica Sportiva" (è una vergogna) (è una vergogna, è una vergogna) E dico delle cose che (è una vergogna) ma dico delle cose che (è una vergogna) da Ilaria D'Amico (è una vergogna, è una vergogna, è una vergogna) yeah!
7.
Hook x 2 Quando sono sbronzo chiamo Dell'Utri, Dell'Utri, Dell'Utri Verse 1 (Alex Antonov) Questo vino sa di tappo, questo tizio è Sagittario! no non me ne frega un cazzo di quando è nato o del suo onomastico sarebbe Sant'Andrea, ciao Andrea, senti che idea facciamo una gita a San Andreas (una GTA San Andreas!) chissà se la mia provincia assomigliasse a San Andreas quanti marciapiedi farei con la mia auto vedo tutto velato grigio e il tuo viso non da fastidio perchè il grigio va su tutto soprattutto sul grigio ti ricordi quel sogno di essere un crack? lo sbriciolo mentre mi sbriciolo in bocca i cracker quest'immigrato con la maglia del Manchester tu lo invidi per la maglia del Manchester che non puoi permetterti e nemmeno lui, ti invidia quest'immigrato con la maglia del Manchester lo commenti con disprezzo mentre fumi una Chesterfield e ti pensi un commissario Winchester più intelligente?! yo, questa è CDS, questo vino scende e poi... Hook x 4 Quando sono sbronzo chiamo Dell'Utri (chi?) Dell'Utri (chi?) Dell'Utri Verse 2 (Janeosa) C'era un sole che mi piaceva un sacco ma ora si è spento frei come uno scacco matto è arrivato in un momento e poi si è inscurito il cielo e l'azzurro oggi tende al nero frei 95 tesi di accusa, Martin Lutero inchiodate senza pretesa sul portone di una chiesa un saluto ai frei delle Vele, di Torbella e di Bovisa c'ho l'animo divisivo e l'odio per le divise divido ogni mio pensiero in misure molto precise La speculatio intellectus, vivendo tra gli homo herectus di sera su un'auto nera frei io miro al mio progetto che nel momento presente parlando culturalmente vuol dire prendersi tutto frei tutto lasciando niente Ti ho già narrato di Putin, coi parossismi più giusti con tutti gli allomorfismi invertendo giusto e sbagliato abbiamo distrutto i crismi scrivendo come i teppisti etilici CDS, poesie dal proletariato Hook (Sample) Verse 3 (GyLuciani) Scrivo l'ennesima strofa, me frei, guapa loca nel senso dell'oca, scrivo con la piuma non porto luce sul mondo del rap, all'opposto io sono la luna e notti ne ho viste due-tre, dovrei essere stanco il Corriere, La Stampa, i giornali li leggo all'alba in terrazza, la pancia di fuori la faccia coi fori, Imperiali (blah!) parlo coi ratti come a Topolinia o la pubblicità Parmareggio Luciani ha la strofa che quando la ascolti dici "Vabè pensavo peggio" rime su qualsiasi base, come se fossi un rapper se dico "tenetemi buono" dico buono pasto, che faccio la spesa alla Bennet (sueg!) botta di vita come un parto dalla pancia del paese (paese) shit is crazy, Paola Cortellesi, il mio tavor scaduto da un mese(da un mese) e i topi non sempre ma la depressione la trovi in qualsiasi caruggio (ah-ah) sia chiaro che come Taormina non sono migliore di ciò che denuncio (nah) in altre parole come un transessuale conosco bene anche il mio opposto e non giudico CDS è il nome più caldo, anche se non è tanto il caldo ma l'umido lurido, ho ancora un porcile in casa e il soffitto dipinto l'ho detto alla scena mi ha detto (groan) ha grugnito tipo uno sbirro, gone (Sample) (Outro) Sono Bertinotti al matrimonio della Marini Nike così bianche, votano per Salvini me frei mi vestirò elegante quando andrò alla neuro meglio che niente, come gli 80 euro gli 80 euro (bravo), gli 80 euro (bravo) gli 80 euro (bravo), gli 80 euro (bravo) gli 80 euro (bravo), gli 80 euro (bravo) meglio che niente, bella per Renzi (bravo)
8.
(Intro) Verse 1 (Alex Antonov) Uno, due, uno, provo i microfoni non sei nessuno se non sai chi è Gianni Ippoliti (chi?) non sei nessuno se non sai chi è Gianni Sperti (chi?) siamo nessuno, siamo Casa Degli Specchi! Uno, due, uno, provo i microfoni questo è il suono che nasce da Tangentopoli, tu non ci pensare e guarda il cielo, pannello solare c'è il sole ed il mare, ed è estateeee spiaggia libera, io Libero Martini libero un Martini sound di Martinica, hangover, margarita pizza margherita perchè sono patriota, William Wallace voglio ancora una risposta ma sto perdendo, sto perdendo, sto perdendo, sto perdendo tempo, frega Nada, perchè questa tipa è leopardata Recanati, tu alza le mani si te piace balla balla e non pensare che c'è il Brexit shake your body baby, do the conga temo che stanotte sarà molto longa fingo presa bene ma la prossima volta sto a casa a rivedere vecchi video del "2 the Beat" Hook (Alex Antonov) x 2 Uno, due, uno, provo i microfoni questo è il suono che nasce da Tangentopoli, tu alza le mani per l'Italia bella per i soldi, bella per la patria (sueg) Verse 2 (GyLuciani) Casa Degli Specchi... si l'Italia è una giungla ma io non scappo via da qui anche se ragionare in una giungla è impossibile come lavorare per vivere è un ossimoro, pensa ogni anno io vado in vacanza con Tarzan si anno dopo anno dimostrando costanza mi vanterò della mia costanza con i miei amici che apprezzeranno la mia coerenza e i miei sacrifizi fonderemo un partito e grideremo nei comizi cose tipo "Vogliamo al governo Fabrizio Frizzi" così finalmente camperemo sul popolo italiano sui deboli, come già han fatto Bergoglio e Provenzano me frei, brindiamo, Brignano rime su qualsiasi base come fossi bravo mentre scrivo sto brano, l'economia fa crack crack crack crack, chiamami Giovanni Rana, lil bitch! Hook (Alex Antonov) x 2 Verse 3 (Janeosa) Sempre in ballo come un broker, con l'espressione da poker mito della working class sul beat come Joe Cocker rapo sopra ad un minareto, il muezzin dell'intera scena chiamo tutti alla preghiera e diffondo il verbo in riviera. Suona lontano un singulto ed il punto è che non mi lascia, bevo e scrivo sui miei fogli frei come Leonardo Sciascia nell'utopia narrativa di immortalare il momento, sopra queste rime sanguino sentimento. Un sample di batteria sulla linea dell'orizzonte io fumo cannabinoidi con tutto il mondo di fronte seduto sopra una roccia, disperso in mezzo ai detriti aspetto venga la pioggia che laverà i miei vestiti lordati di tutto punto, un pò come i cessi del centro la vita in Italia è sporca già solo standoci dentro il 90% è merda e poi oltre soltanto sogni colline, pezzi di mare, Chagall, linee e disegni (Outro)
9.
Verse 1 (Janeosa) Pare che vivo ogni giorno, junti e giri su Saturno sul beat di Erma io fumo erba e parlo con Cristo con Giove e Minerva. La vita frei oggi giorno, paure, mescale e film porno, vino, lussuria, poesia e pecunia, pura scrittura frei dalla Liguria. Per le strade dell'Havana col sole, perso a cercare il nirvana da solo e a raccontare la luce di Aprile scrivendo le rime lungo l'arenile Pare che vivo ogni giorno, pare non ci sia ritorno ed io con le rime per potermi esprimere appizzo un junto e poi mi metto a scrivere Con i verbi è come in guerra e voi mettete gli elmetto ho letto Majakovskij ed ho assunto ogni suo difetto fantasmi nell'ovile, rime dentro al fucile sparagli sparagli sparagli su tutti quanti. E' un ateo estetismo che quasi tocca l'autismo afro, break, kick dope, nuovo situazionismo questa è Casa Degli Specchi, un whiskey in Virginia afro, break, kick dope, funky groove in linea. Hook (GyLuciani) Uelà, buongiorno Uelà, buongiorno Uelà, buonasera io sono ateo, però vado in chiesa Verse 2 (GyLuciani) Sto guardando Rai Uno, Rai Uno in una camera d'hotel su Nettuno "Porta a Porta", Vespa guarda in camera e lancia un servizio, è un servizio in camera apro la porta e dall'altra parte mi porge la boccia una vespa gigante ha sei zampe e un pungiglione in pratica è Federico Zampaglione mi da una pistola e mi dice "Dai, sparami!" io non ho mai sparato, questo è un Tiromancino! Ma alla fine mi convince, le sparo e al secondo tiro già tiro come Mancini cosa voglio dire con questa mia parabola? Primo che la violenza è insita nell'anima due che l'albergo è privo di parabola e mi sembra di dormire in una chiesa (una chiesa?) e io non ce l'ho con la chiesa ma la chiesa è pazza, tu chiamala crazy m'han detto che il sangue di Cristo si beve io ho detto "Ma Cristo!" lui ha detto "Mi dica" io ho detto "E' un delirio!" lui ha detto "Corrida?" gli ho detto "E' a Pamplona" mi ha detto "c'andrò ma ora scendo giù dai crocifissi di scuola tipo eccomi qua" e io ho detto... Hook (GyLuciani) Bridge x 2 (GyLuciani & Alex Antonov) Andare in chiesa io (non me ne faccio un problema) ah-ah (non me ne faccio un problema) no no (non me ne faccio un problema) e allora no (non me ne faccio un problema) Verse 3 (Alex Antonov) Il padre di Rita Dalla Chiesa è ancora morto io sono ancora vivo e vengo dalla Chiesa la mafia nello Stato, nella Chiesa e nella mafia pure è ancora viva andiamo avanti entrambi ad abitare il futuro speriamo in letti separati (intendo la mafia ed io) in alcuni casi la mafia è Dio, e Dio è ancora vivo (mi chiedi chi è Dio?) E' un prestigiatore a cui presti attenzione, si come Gesù (come Gesù) come Gesù sono vivo e son morto al contempo non so dove metter la croce (vivo o morto o X) mmh, come la croce quindi tutto torna o dovrebbe (si come Gesù) noi siamo al contempo tutti quanti atei e dei (difatti non crediamo in noi stessi) crediamo nel moto perpetuo morto per un peto? (si alcuni muoiono così) son morti ridicole e infatti Dio ride ho visto Dio dentro a un ovetto Kinder, è bello, in generale... il generale? Rita Dalla Chiesa? suo padre è morto, io no, io dico uelà… Hook (GyLuciani) Hook (GyLuciani & Alex Antonov) (ad andare in chiesa, io...) Uelà (non me ne faccio un problema), buongiorno (non me ne faccio un problema) Uelà (non me ne faccio un problema), buongiorno (non me ne faccio un problema) Uelà (non me ne faccio un problema), buonasera (non me ne faccio un problema) io sono ateo (non me ne faccio un problema), però vado in chiesa (non me ne faccio un problema) (ma bravo!) (Outro)
10.
(Intro) Verse 1 (Chiara Ragnini) Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella Tua parola io camminerò finchè avrò respiro, fino a quando Tu vorrai Non avrò paura, sai, se Tu sei con me Dio Ti prego resta con me Verse 2 (Alex Antonov) Casa Degli Specchi, prega anche tu divertiti di più, ma fallo con Gesù, yo Verse 3 (Chiara Ragnini) Credo in Te Signore, nato da Maria Figlio eterno e Santo, Uomo come noi morto per Amore, vivo in mezzo a noi una cosa sola con il Padre e con i tuoi fino a quando, io lo so, Tu ritornerai per aprirci il Regno di Dio Verse 4 (Janeosa) E Padre Pio è un grande amico mio e Padre Pio è un grande amico mio divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù Verse 5 (Chiara Ragnini) Tu sei la mia forza, altro io non ho Tu sei la mia pace, la mia libertà Niente nella vita ci separerà So che la Tua mano forte non mi lascerà so che da ogni male Tu mi libererai e nel Tuo perdono vivrò Verse 6 (Alex Antonov) Con Gesù la gioia è assicurata la vita è più schizzata, bwuaaaah! divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti....se! Verse 7 (Chiara Ragnini) Padre della vita, noi crediamo in Te Figlio Salvatore, noi speriamo in Te Spirito d'amore, vieni in mezzo a noi Tu da mille strade ci raduni in unità e per mille strade, poi, dove Tu vorrai noi saremo il seme di Dio Verse 8 (GyLuciani) Yo, CDS con la Chiesa Cattolica, grande coppia tira su le mani in canonica ed in parrocchia divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù Outro (GyLuciani) Divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù Gesù, Gesù (è un grande mito!) divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù divertiti di più, ma fallo con Gesù Gesù, Gesù (è un grande mito!) e allora no
11.
(Intro) Verse 1 (GyLuciani) Shit is crazy, Camoranesi tutta l'Europa in mano ai Casalesi e ci siamo arresi, in casa lesi a commentare i massaggi cinesi (cinesi?) cinesi ma sempre cari si, Biancaneve: Sert e nani ma io non bevo io tiro a Campari per sopportare i miei figli e i miei cani (silenzio!) sento il male che incombe essere vivi è essere sempre in forse e ora che i terroristi mettono le bombe finalmente la gente se ne accorge (bravi!) ma non fraintendere io sono occidentale le mie scarpe costano quanto in Africa un ospedale quindi io sono il male? Dov'è la verità? Forse in questa canzone che fa "la la la la la", fa... Hook (GyLuciani & Alex Antonov) Stavo pensando che questa canzone (la la la la la) mi ricorda Il Male (la la la la la) non è che suona male, suona proprio come Il Male (la la la la la) Verse 2 (Janeosa) E senti come suona questa è Casa Degli Specchi col gusto dei vinili impolverati usati e vecchi E senti come suona CDS lo ripeto è come un pomeriggio torrido immerso in un uliveto. E senti come suona, segui il ritmo come viene, questo è il rap del ponente ragga beat e suona bene, gira giusto e prende al volo fumo erba lungo il molo come incenso per le stelle sotto al cielo qui da solo. E senti come suona specialmente fuori orario e non servono gli inviti il palcoscenico o il sipario per questa contro-accademia che forma controcultura che al contrario dell'industria ciò che fa è tutta natura. E frei prende in testa come l'erba quando è buona, che dalla prima nota hai già capito come suona, suona Raggae, suona hip hop, suona indie o suona nero, suona come cazzo vuoi, ma suona sempre vero! Hook (GyLuciani & Alex Antonov) Nella vita, un pò come in Cina (la la la la la) c'è Il Bene ma anche Il Male (la la la la la) non mal di testa, mal di pancia.. Il Male! (la la la la la) Verse 3 (Alex Antonov) Everyday I'm hustlin', ogni giorno ad Ascoli una gazzella pensa: "Che ci faccio qui ad Ascoli?" io invece mi risveglio sugli alberi, e vedo pecoroni che si pensano poeti, quindi Pascoli io suono il ragga, l'Isis è a Raqqa Ë il male che avanza nelle sue mille forme ma le forze del male giammai mi avranno, Babilonia scemi, babbi-lonia (no) babbi lonely, soli, la metafora della DeLorean mi ha rotto i coglioni ma se volete vi do in nullaosta per usarla, come a Gressoney vedo aggressioni dell'Isis, penso che l'Isis è il male, loro sono i terroristi dell'Isis, si è l'Isis che mi fa pensare quindi sopravvivere, vivo un paradosso! Hook (GyLuciani & Alex Antonov) Ma secondo te l'Isis c'è in Cina? ieri (la la la la la) ho incontrato sto cinese, gli ho detto scusa ma (la la la la la) dove sei stato in vacanza? e lui ha risposto "Al Male!" (la la la la la) (Outro)
12.
Hook (Chiara Ragnini) Din, don, dan, la signora della sera è arrivata e se n'è andata sopra una Mercedes nera Din, don, dan, ha tagliato ogni catena dietro al buio di una stanza tace la sua cantilena Verse 1 (Janeosa) Un bicchiere di Pampero ed occhi fatti di nero in un sentiero che mi avvolge come le nubi in cielo, che si affastellano a frotte, quando diventa notte, e sotto la vita scorre, birra giù da una botte in un fiume che non si arresta, che poi è la realtà in se stessa depressa in un algoritmico flusso di autocoscienza, in attesa che sia domani, credendo come un coglione che un giorno nuovo mi porti un pò meno pare e più sole. Pensieri che si dipanano, bonghe sopra il divano in testa un tramonto al Conero e in faccia un mondo silvano, che piano piano ci ha preso, che piano piano ci ha tutti, è un lungo piano sequenza e ci sono le gioie ed i lutti, in un districarsi continuo, noi assieme a chi ci è contiguo appizziamoci questo cylum che sembra tutto più esiguo si questo è quel che ci è dato, correndo lungo il tracciato, mostrandoci l'una all'altro a vicenda un volto emaciato...ma.. Questa frei è la vita e non ci si puà fare nulla e forse il senso è che tutto questo è solo una burla..ma.. io sto lì in mezzo e vivo tutto come minimo io respiro ed amo forte come minimo. Questa frei è la vita e forse si spiega da sola, o forse è solo un sogno su una spiaggia romagnola..ma.. io vivo tutto ogni secondo come minimo, e forse frei non serve altro in questo effimero Hook (Chiara Ragnini) Verse 2 (Alex Antonov) Sai, sono stufo di avercela con la gente, non mi è mai servito a niente non prendo parti, mai prese, mi è sempre sembrato..braaa..si, stupido, semplicemente sai, guardo tutto con distacco circospetto metto cose in una casa domani è un altro giorno, ma non domani no non ci sono, esco a bere con Dio (con Dio) "cerco Dio!", cerco tutto con distacco il diavolo mi tenta, nel senso che mi prova "e se non funziono, sono ancora in garanzia riportami al negozio, diavolo!" sei piccolo e restaci finchè puoi non sei ancora pronto per il tavolo degli avvoltoi piccolo mio dita di porcellana, stringimi la mano, camminiamo naso di porcellana, respira piano o ti graffierai piatti di porcellana al tavolo degli avvoltoi io prendo ciò che posso come un cazzo di topo io prendo ciò che posso per la mia famiglia, brindiamo! calici nel cielo, piove al contrario si, mai detto "a noi!", sempre detto "alla nostra" calici nel cielo, piove al contrario si, mai detto "a noi!", sempre detto "alla nostra" calici in cielo qui piove al contrario, le stelle risalgono e vedo un mondo nuovo calici in cielo qui piove al contrario, le stelle risalgono ed io vado con loro! e... su questa stratosfera Chateau d'Ax la Casa Degli Specchi ti racconterà il senso della vita, che è… il senso della vita, che è… il senso della vita, che è… lo sapete, no? Verse 3 (GyLuciani) Din don dan, Fra Martino Ë la morte? E' il vicino dice "Roggy, vuoi del vino?" dico "No", perchè prima ho incontrato un'amica, mi ha dato una grappa trent'anni e parlava già tipo sessanta, che palle! Ma forse sono io che bevo troppo e che la vedo sessantenne perchè vedo doppio mi rendo conto dal profumo dei cornetti che è l'alba, come il tartufo e la Parietti al bar, discorsi filosofeggianti cioè dirsi che la vita è una merda per rincuorarsi io dico: "Ma un gallo ce la fa a galleggiare?" non mi prendere sul serio, che ti ho fatto di male? Che la vita non è seria e neanche grottesca Walter Veltroni e Walter-lapesca e io sono Verdone nella "Grande Bellezza" questo cazzo di ambiente inizia a darmi alla testa sfatto quotidiano, sono Marco Tra-Valium e non ringiovanisco però manco il contrario yeah! E questa provincia è nuda ti fotte il tempo poi ti viene in faccia, come una ruga io tiro avanti bene o male, niente male lo so che questo non è il senso della vita ma va bene uguale
13.

credits

released March 29, 2017

www.casadeglispecchi.it

Prodotto, mixato e tarallato da Erma.
Rime: Janeosa, GyLuciani, Antonovvi a.k.a. Gigi Catering
Voce narrante: Aurora Piermarini Bilato
La Vita (coi baffi): Anna Palco
Photo: Andrea Castle Queen
Artwork: sandroarmy.carbonmade.com

Per copie cd, info inutili e live improbabili: info@casadeglispecchi.com

www.facebook.com/genteinutileCDS
www.twitter.com/genteinutileCDS
www.youtube.com/genteinutileCDS

license

all rights reserved

tags

about

Casa Degli Specchi Liguria, Italy

L'hip hop sbagliato e situazionista di quattro imbecilli, che sarebbero drammatici se non fossero già neo-umanisti con richiami al valore universalistico dell'insulto morale.

Ne parliamo con la signorina Accepràne.

Come?!?
... more

contact / help

Contact Casa Degli Specchi

Report this album or account

If you like Casa Degli Specchi, you may also like: